T-TRANSITO

progetto fotografico di Carlotta Cicci

Ho sempre pensato che durante lo spostamento da un luogo ad un altro, per qualsiasi motivo ci si trovi a compierlo e qualsiasi sia la sua durata, ogni volta è come entrare in dimensioni altre, dentro un mistero e un indefinito che solo tramite la macchina fotografica riesco a immortalare o forse meglio a ‘Dire’.

In questo progetto c’è la mappa del mio continuo transito, e con essa luci forme e creature incontrate in questa dimensione, che vive in un tempo diverso, sospeso... troppo veloce o improvvisamente immobile…

Aeroporti, stazioni, treni, persone, cieli, orizzonti, muri…. Tutto da binari, da vetri, da finestrini… Come se ogni sguardo del mio transitare sia un filo che poi si fonde ai miei luoghi… dando così forma al ritmo e alle direzioni della mia vita, come la tela di un ragno... dove poi un centro non esiste, ma esiste solo spazio nel quale scorrere... andando, tornando, svoltando, deviando.

Carlotta Cicci

Mostra altro