CERCANDO ITACA

TRAILER

Cercando Itaca 01- Mohamed Sehriri

Cercando Itaca 04 - Alberto Gualandi

Cercando Itaca 02 - Caterina Caravita

Cercando Itaca 05 - Gabriele Veggetti e Piera Dicristoforo

Cercando Itaca 03 - Oury

Cercando Itaca 06 - Carlo Farneti e Germana Fratello

Cercando Itaca 07 - EPILOGO

CERCANDO ITACA

è IL PROGETTO VIDEO che ha accompagnato l'edizione 2018 dei TERRITORI DA CUCIRE - UN'ODISSEA IN VALSAMOGGIA, del Teatro delle Ariette

I cortometraggi realizzati sono stati proiettati alla fine di ogni spettacolo, durante la tournée* nelle piazze del comune di Valsamoggia

interviste di Stefano Pasquini e Paola Berselli

Regia Fotografia e Montaggio di Carlotta Cicci e Stefano Massari

‚Äč

UN'ODISSEA IN VALSAMOGGIA- TERRITORI DA CUCIRE 2018

progetto di produzione teatrale con coinvolgimento diretto dei cittadini del comune di Valsamoggia nella realizzazione dello spettacolo teatrale in 5 puntate "Un'Odissea in Valsamoggia". 
Ideazione, riduzione del testo, drammaturgia e regia di Paola Berselli e Stefano Pasquini. 
con il lavoro di Irene Bartolini, Paola Berselli, Maurizio Ferraresi, Raffaella Ilari, Massimo Nardinocchi, Stefano Pasquini.


Le 5 puntate saranno rappresentate nelle 5 piazze delle 5 municipalità che compongono il comune di Valsamoggia nel mese di luglio 2018 a cadenza settimanale. 

*Tournée

4 luglio piazza di Monteveglio "La zattera di Odisseo" 
11 luglio piazza di Savigno "Odisseo-Nessuno" 
18 luglio piazza di Castello di Serravalle (Castelletto) "Scilla, Cariddi e le Sirene - Il ritorno" 
25 luglio piazza di Crespellano "La gara dell'arco" 
1 agosto piazza di Bazzano "Lunga notte d'amore" 

I cittadini saranno guidati nella creazione dello spettacolo dai componenti della nostra compagnia e saranno coinvolti nella realizzazione di scene, costumi, allestimento e recitazione. 
Lo spettacolo è tratto dall'Odissea di Omero nella traduzione di Emilio Villa. 
Il progetto sarà realizzato in collaborazione con diverse associazioni di volontariato presenti sul nostro territorio con una particolare attenzione a quelle cosiddette di "stranieri", nello spirito dell'Odissea stessa, per promuovere l'incontro tra culture, costumi, lingue e tradizioni diverse, per intrecciare cultura classica e cultura popolare. 
In fondo l'Odissea è una storia autobiografica che Ulisse racconta attorno a un tavolo. 
È anche la nostra idea di messa in scena. La scenografia deve far pensare a un convivio e a una barca nello stesso tempo. Gli spettatori saranno in scena, abiteranno la scenografia.

Obiettivi 
Disegnare una nuova mappa dell'identità culturale della nostra comunità attraverso la condivisione di un processo di creazione artistica. 
L'Odissea è un patrimonio della nostra cultura e della nostra civiltà. Costruire insieme uno spettacolo tratto dall'Odissea significa riflettere insieme sui suoi contenuti, farci le stesse domande che si fece Odisseo e cercare insieme risposte e soluzioni ai problemi che la vita ci impone. 
Ci aspettiamo che i partecipanti al progetto scoprano il piacere e la ricchezza di fare arte e cultura, soprattutto di farlo insieme. Ci aspettiamo che scoprano che l'Odissea parla di noi, del nostro presente, anche se viene da un tempo molto lontano, e che ogni incontro con l'altro, ogni differenza e ogni scoperta servono a costruire ed arricchire la nostra identità individuale e collettiva e rafforzano il sentimento di appartenenza alla comunità. 

 

2500 anni fa qualcuno scrisse una storia di cui parliamo ancora oggi: l'Odissea. È la storia di un uomo, Odisseo-Ulisse, e del suo avventuroso viaggio per tornare a casa, ritrovare se stesso, sua moglie, suo figlio e la sua terra. È la storia dei suoi incontri con ciclopi, mostri, dei, maghe, ninfe, cannibali, sirene, animali sacri e genti sconosciute, a volte ostili, altre ospitali. 
E noi abbiamo deciso di interrogare quella storia, per domandarci chi siamo oggi e dove stiamo andando. Vogliamo porci queste domande e condividerle con tutti quelli che vorranno incontrarci nelle piazze di Valsamoggia per partecipare a questo esperimento di teatro di comunità, fatto dai cittadini per i cittadini; un teatro fatto "insieme" con entusiasmo, intelligenza e un pizzico di follia. 
Vi aspettiamo a braccia aperte, sarete i benvenuti sulla nave di Ulisse.
 

progetto e direzione artistica: Paola Berselli e Stefano Pasquini 
direzione tecnica: Maurizio Ferraresi, Massimo Nardinocchi 
organizzazione: Irene Bartolini, Paola Berselli 
video: Stefano Massari e Carlotta Cicci 
ufficio stampa: Raffaella Ilari 

con la partecipazione di: Pasqualina Siotto, Barbara Vagnozzi, Daniela Correggiari, Giovanni Zanasi, Stefanie Baumann, Roberto, Donatella Ianelli, Germana Fratello, Greta Scaglioni, Valentina Nanni, Morena Diamantini, Valeria Collina, Marilena Monari, Domenico Oliva, Paola Jara, Maria Luisa Bompani, Lucia Ruffo, Caterina Caravita, Giulia Gamberini, Sofia Degli Esposti, Giuseppe Patti, Flavio Azolini, Riccardo Memoli, Benedetta Paganini, Giorgia Vivarelli, Giuseppe Portale, Olga Mihaela Stan, Lavinia Stan, Elena Mania, Leonor Guerrero, Micaela Minniti, Iryna Kostiv, Doris Aziba, Bouchra Belhatti, Hnia Abouelkhayrat, Laura Lanza, Simonetta Politi, Beatrice Rinaldi, Clara Garagnani, Lindita Metalla, Claudia Cavazzoni, Chiara Pedretti, Daniele Bovina, Noemi Bettali, Myriam Cool, Andja Grgic, Sandra Kaczanow, Giulia Medici, Micaela Testa, Roberto Gaglioti, Viola Gaglioti, Stefano Fenara, Enrico Fabbri, Gabriele Veggetti, Alberto Gualandi, Roberta Trebbi, Mohamed Serhiri, Rachid Bouzida, Ahmed Nid Bella, Carlo Farneti, Alina Sandru, Tineke Anema, Helene Blasbichler, Ouryatou, Angelo Garagnani, Guido Tagliavini, Giovanni Battista Parente, Cecilia Baldini, Musu, Ben, Lamine, Malang, Mebouho, Dramé, Amidou, Bah, Martina Chierichini, Marta Bertelli, Bilal, Parvez, Adnan, Ibrahim, Mamudo, Bright, Michael, Mahdi, Saverio Minutolo, Alice Diczkowski, Elena Borghi, Asma, Heba, Alae, Doae... e tutti quelli che ci hanno aiutato. 

grazie a Ornello Ferraresi, Vincenzo Cirolia, Luigi Boldrini, Silvia Clementi per la nave di Ulisse. 

grazie a Cooperativa Sociale Arca di Noè, Open Group Cooerativa Sociale, Donne Multietniche Valsamoggia, Nema Problema Onlus, Associazione culturale islamica Valsamoggia, Comunità Bahá'í.